Eventi vari

Le tematiche di Expo Milano 2015 e della Carta di Milano sviluppate nella Prima Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, dal 21 al 27 novembre 2016

cucina-italiana-nel-mondo-novembre-2016I temi caldi sviluppati con successo da Expo Milano 2015 e racchiusi nella Carta di Milano come qualità, sostenibilità, cultura, sicurezza alimentare, diritto al cibo, educazione, identità, territorio e biodiversità, verranno affrontati dal 21 al 27 novembre 2016 nella Prima Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. Verranno approfonditi durante questo appuntamento annuale sulla tradizione culinaria italiana all’estero, che intende esprimere livelli qualitativi di eccellenza, i seguenti argomenti: integrazione con il piano per la promozione straordinaria del Made in Italy; tradizione, artigianalità e innovazione di cui gli chef e i sommelier sono i massimi interpreti; valorizzazione dei territori e degli itinerari enogastronomici; internazionalizzazione della cucina italiana tramite le attività di specializzazione all’estero di giovani cuochi italiani e la presentazione dell’offerta della ristorazione italiana di qualità; diffusione dei valori della dieta mediterranea; presentazione dell’offerta formativa italiana nel settore enogastronomico per attrarre talenti dall’estero e fidelizzarli all’uso dei prodotti italiani di qualità e promozione della conoscenza delle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane, con particolare riferimento a quelle tutelate (DOP, IGP, DOCG, DOC, IGT e Biologico).

Il progetto si inserisce nel piano di azioni per il sostegno al settore agroalimentare e alla cucina italiana, c.d. Food act, presentato dal MIPAAF nel luglio 2015 per conto del governo italiano e nelle attività previste dal protocollo di intesa per la valorizzazione all’estero della cucina italiana di qualità, sottoscritto tra MAECI, MIPAAF e MIUR lo scorso 15 marzo 2016. Sono promotori dell’iniziativa attori pubblici e privati che rappresentano la cucina italiana di alto livello e l’Italia nel mondo: istituzioni, associazioni di categoria, scuole di cucina e reti dei ristoranti italiani certificati; protagonisti assoluti saranno i cuochi italiani, dagli chef di fama internazionale ai giovani allievi delle scuole di cucina.

La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo comprenderà 1.300 eventi in 105 paesi (come USA, Giappone, Canada, Brasile, Russia, Cina ed Emirati Arabi Uniti) e 295 sedi diplomatiche, consolari e degli istituti italiani di cultura, coordinati dalla rete all’estero della Farnesina e si suddivideranno in 173 conferenze, incontri con gli chef e dibattiti sulla tradizione culinaria italiana; 98 eventi promozionali con i ristoranti italiani locali e fiere; 151 cooking show, corsi sulla cucina e master class; 334 degustazioni e cene a tema; 23 concorsi e premiazioni per la cucina italiana di qualità; 32 seminari tecnico-scientifici e accademici; 390 proiezioni di film e documentari, rappresentazioni teatrali, concerti legati al cibo e 32 mostre di design, arte e fotografia legate alla cucina.

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI.

Advertisements

Incontro “Semi di nuove economie” al Festival della Crescita. 14 ottobre 2016, Palazzo delle Stelline di Milano, ore 16

festival_crescita_campagna_palazzo_stelline_milano

Un appuntamento per parlare di economia collaborativa, grandi e  piccoli progetti e delle aziende ‘riverniciate di sharing’ al Festival della Crescita di Milano: è “Semi di nuove economie”, suddiviso in tre momenti (Pensare, Dire, Fare) e si svolgerà alle ore 16 di venerdì 14 ottobre al Palazzo delle Stelline.

Interverranno Gaetano Fausto Esposito, economista e segretario generale Assocamerestero; Davide Pellegrini, direttore Ferrara Sharing Festival; Nicola Zanardi, consigliere Ferrara Fiere; Alessandro Capelli, CSR Manager Altavia; Adriano Facchini, founder Civiltà della Qualità e Cristina Pasqualini, docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Coordinamento a cura di Fabrizio Bellavista, partner Emotional Marketing Research Innovation Lab.

Il Festival della Crescita è un progetto curato e realizzato da Future Concept Lab e ideato dal sociologo Francesco Morace con l’obiettivo di creare un circolo virtuoso tra i protagonisti dello sviluppo, per una crescita felice e possibile del Sistema Italia. La seconda edizione del Festival, dal titolo “XChange People. InnovAzioni future”, arriva a Milano dopo aver attraversato ‘in lungo e in largo’ l’Italia attraverso 11 tappe. Lanciato nell’ottobre 2015, il Festival della Crescita ha mantenuto la promessa di un progetto “in crescita”, con un’evoluzione e diffusione su tutto il territorio, in collaborazione con realtà imprenditoriali e istituzioni locali, che a Milano si ritrovano per definire una strategia comune per il futuro.

Il Festival della Crescita by Night

logo-festival-della-crescitaIl Festival della Crescita è un progetto curato e realizzato da Future Concept Lab e ideato dal sociologo Francesco Morace con l’obiettivo di creare un circolo virtuoso tra i protagonisti dello sviluppo, per una crescita felice e possibile del Sistema Italia; dal 13 al 16 ottobre 2016 si svolge il secondo appuntamento a Milano.

Venerdì 14 ottobre 2016, dopo l’incontro “Semi di nuove economie” delle ore 16 al Palazzo delle Stelline di Milano (vedi post successivo), il Festival della Crescita continua nella versione by Night, a cura di Luisa Cozzi di Expopportunity, quale estensione serale dei valori veicolati dal Festival stesso, con radicamento diretto sul territorio milanese.

Alle ore 19 vi sarà un aperitivo in condivisioni e convivialità ad Altavia per “DistrEAT, cortili aperti allo street food” in Alzaia Naviglio Pavese, 78/3 con organizzazione DistrEat. Alle ore 20.30 CenaOrtica (le prenotazioni sono ormai già chiuse), arte e musica, a cura di “NoLO Social District”, presso FermoImmagine – Museo del Manifesto in Via Gluck 45 con l’organizzazione di Sara Atelier (in collaborazione con la Sagra dell’Ortica di Malalbergo).

Il gruppo “Wonder Way, Esploratrici Urbane” e Giulia Capodieci, con le loro incursioni in bici (tempo permettendo!), faranno inoltre da fil rouge in tutte le tappe.