Month: December 2013

Un menù di Shangai

Finito il mio viaggio in China, ho portato questa foto, una foto del menu del Century Restaurant nella World Financial Center, il grattacielo attualmente più alto di Shanghai. Lo vedete quanti termini sono stati lasciati in italiano o, all’Italia, fanno riferimento?

PS. la notizia che abbiamo superato abbondantemente le adesioni che l’Expo di Shangai aveva avuto anni fa, mi ha riempito di gioia!

menu chinese

Advertisements

Cibo immaginario, l’Italia a tavola nelle pubblicità tra ’50 e ’70

Al Palazzo delle Esposizioni di Roma la mostra “Il cibo immaginario, 1950-1970 pubblicità e immagini dell’Italia a Tavola”: è molto più di un’esposizione. È un tuffo nei ricordi e nei sapori dell’infanzia, per capire meglio il ventennio 50/70. Non tutti ad esempio ricorderanno la Ghiacciomenta Elah, la maionese Orco, gli utensili Mokita e Cokita, mentre risulterà ben più familiare l’Idrolitina, l’Ovolmatina o l’immagine di Gringo che assicura: «È carne ben scelta, è carne sovrana perché è carne Montana». Ma di esempi se ne possono fare tanti: c’è la pasta glutinata Buitoni, i grandi classici dell’iconografia di Coca-Cola e ancora Campari, Barilla, Motta tutte in versione vintage. La maggior parte prodotti industriali ma certamente significativi e “parlanti” della cultura e della vita quotidiana di allora (anche della diversa attenzione al cibo). Articolo e video

Foodie Geek. Alto tasso di socialità, per foodblogger, web editor, instagramers & twitteri

fgdMODENA_096La Foodie Geek Dinner è una cena offline a km 0, per i Foodie&Geek che si conoscono online. Dal web alla tavola, creiamo network condividendo una passione. Foodie Geek Dinner è il momento in cui il network web del food si incontra attorno allo stesso tavolo: foodblogger, web editor, instagramers, twitteri che si conoscono online si incontrano offline. Per una cena ad alto tasso di socialità, con partecipanti a chilometro zero (chi vive o lavora nella città). Ancora qualche elemento, per capire meglio. Fra web e realtà: i foodie decidono il menu, basandosi sul tema della FGD che cambia a ogni appuntamento. Partecipano alla costruzione della serata con discussioni, post, scambi di idee via social e email. Al termine di questo processo, ciò che era virtuale diventerà reale. Ciò che era geek diventerà food. Di persona, dal vero, a toccare – e mangiare – quanto prodotto nella rete. Il food sul web diventa food condiviso a uno stesso tavolo. Anche quì, si rullano i motori per un Expo di Milano che abbia un senso condiviso.

 

 

 

Sei blogger parlano di cibo su ‘Gastronomia mediterranea’

Gastronomia mediterraneaGastronomia mediterranea’: “un altro modo per raccontare le passioni”… Un portale che parla di food che così si definisce: “sei blogger (Giovanna Esposito, Lydia Capasso, Fabrizio, Diletta, Edda Onorato, Maria Teresa Di Marco, Virginia Portioli, Elvira Costantini, Daniela Acquadro e Elvio Gorelli) ed un deus ex machina insieme per parlare di cibo attraverso prodotti, ricette, libri, mostre, cinema”. Sul sito il menu comprende infatti cibo e salute, prodotti e produttori, ricette, storia gastronomica, live web, cinema, contest e concorsi, video…

Tecnogranda, parco tecnologico di sostegno allo sviluppo e alla competitività delle imprese del settore agro-industriale

TecnograndaVi segnalo un parco che è uno strumento di innovazione rivolto alle imprese per mezzo di laboratori specializzati: Tecnogranda, il cluster manager del Polo di Innovazione Agroalimentare della Regione Piemonte. Il parco risponde alla domanda di innovazione da parte delle aziende piemontesi e si occupa dell’attività di network tra industria, ricerca, istituzioni e tutte le risorse del territorio che possono operare a supporto dell’innovazione e della competitività del settore agro-industriale. I servizi offerti da Tecnogranda, rivolti appunto in particolare al settore agro-industriale, sono: tracciabilità e rintracciabilità (sviluppo di nuove conoscenze per l’identificazione e autenticazione automatica dei prodotti di filiera basata su sistemi innovativi come RFID e QR code); sanitizzazione e sicurezza alimentare (utilizzo di tecnologie innovative per la rimozione selettiva di contaminanti chimici o biologici); packaging e shelf-life (sicurezza degli alimenti attraverso packaging innovativi e atmosfere modificate) e prove di compatibilità elettromagnetica. APPROFONDISCI.

Chef di cucina magazine

Chef di cucina magazineVi segnalo, sempre appartenente a IWCA Suisse Network, Chef di cucina magazine. Sul portale gli argomenti da consultare vanno da Protagonisti a Editoria professionale, da Scuole, corsi e master a Concorsi, da Ricerca e Offerta lavoro a Compro Vendo Gestioni, da Ospitalità a Professionisti, da Eventi a Convivio, a Highlights, Eccellenze, Video… E in più la newsletter, la possibilità di inserimento annunci e la pagina Facebook ‘Food passion’. GUARDA IL PORTALE.

Promozione e commercializzazione online di prodotti enogastronomici italiani di eccellenza: Lorenzo Vinci

Lorenzo VinciLorenzo Vinci è il progetto fondato da un gruppo di ragazzi che voglio segnalarvi; è dedicato all’informazione, promozione e commercializzazione di prodotti enogastronomici italiani di eccellenza attraverso il web. Il portale Lorenzo Vinci è infatti un luogo di comunicazione e vendita innovativo che mette in contatto i produttori con le loro eccellenze e una community di utenti appassionati. Attraverso il sito si può, tra l’altro, accedere a contenuti editoriali e video di prodotti e produttori oltre che a fantastiche ricette; acquistare a prezzi scontati e ricevere direttamente a casa il meglio della produzione enogastronomica italiana e partecipare ad eventi esclusivi di degustazione.

Expo 2015: la tecnologia NFC e tre interessanti progetti spiegati da Guido Arnone

Guido Arnone“L’NFC è un abilitatore di experience e quella del visitatore di Expo 2015 avverrà su un insieme di servizi smart utilizzabili nel sito espositivo per garantirgli un’esperienza confortevole” ha evidenziato Guido Arnone, responsabile Technological Innovation & Digital Expo 2015 il 5 dicembre 2013 a “Carte 2013”. E ha aggiunto: “l’esperienza NFC di Expo 2015 riguarderà in particolare: l’autenticazione, per un accesso sicuro e la profilazione del visitatore attraverso i tag, che saranno applicati anche allo staff e alle operazioni che si svolgeranno nel sito espositivo; i pagamenti: tutti i commercianti all’interno del sito di Expo adotteranno Pos (saranno 400) abilitati con tecnologia NFC per le transazioni in ambito retail e i servizi: quelli a valore aggiunto per il visitatore utilizzeranno l’NFC come strumento di codifica (per le prenotazioni, la gestione delle code ecc.)”. Ha poi spiegato 3 progetti importanti per Expo 2015 (tra cui uno già in atto e gli altri 2 in fase di preparazione): “lo Smart Electronic Ticket con tecnologia NFC, attraverso la partnership di Telecom Italia. E’ un wallet per accedere al sito espositivo che comprenderà servizi non solo di front, ma anche di back end con tecnologia in cloud in un unico database. Le soluzioni di back end saranno estremamente complesse e saranno disponibili prima dell’estate. I vantaggi dei servizi ICT in cloud saranno i seguenti: ottima efficacia rispetto al costo; integrazione di servizi; economia di scala; sicurezza; elasticità; organizzazione e metodo, ecc. I vantaggi invece delle Sim card abilitate con tecnologia NFC sono: sicurezza e privacy; garanzia; economia di scala; interoperabilità; aggregazione di servizi; portabilità di servizi, ecc. Il secondo progetto è la Smart Electronic Ticket Card con partner Intesa San Paolo (in fase di preparazione). La tecnologia NFC servirà ad accedere al sito dell’Expo e a usufruire di servizi come l’acquisto del biglietto, i servizi digitali, i pagamenti, la prenotazione di eventi, l’interazione e il couponing. Il terzo progetto si chiama Isole digitali e ha la partnership del Comune di Milano. E’ un progetto già lanciato per il back end: sono infatti già state realizzate 15 isole che diventeranno 40 nel 2015. E’ una specie di servizio ‘Bike me’ per la condivisione di veicoli elettrici con wi-fi e totem interattivo (ad esempio in via Hoepli), in cui c’è una funzionalità che serve a interagire con i telefonini attraverso la tecnologia NFC e POS”.

Il portale di condivisione video Food and Tourism

Food and tourismVi segnaliamo Food and Tourism, un portale di condivisione dei video sul cibo e il turismo, che include reportages, eventi, video professionali e interviste in tutte le lingue. Creato nel 2010, il sito ospita solo filmati protetti perché i nomi e i loghi sono generalmente marchi registrati. All’indirizzo http://www.foodandtourism.com/.

AppyDrink, per spendere meno nei locali!

Appy drinkVi segnalo la applicazione per iOS e Android AppyDrink (nata da un’idea di Federico De Poli e Danilo Di Bonito), che permette di risparmiare sulle consumazioni nei locali. Scaricata l’app, si visualizzano subito i coupon dei locali che offrono sconti agli utenti di AppyDrink (il download del coupon si effettua tramite un post su Facebook che invita a scaricare l’app). A questo punto basta mostrare allo staff del locale il coupon sul telefono per ottenere lo sconto. I locali non devono sostenere alcun costo per consentire l’utilizzo di questa App e possono scegliere in che giorni e orari applicare la scontistica. In questo modo (e questo è l’obiettivo di AppyDrink), si riescono ad attirare i clienti nei momenti di minore affluenza e a conservare buoni margini da parte dei gestori…